Florilegio di Massime di François de La Rochefoucauld

Maximes_LaRouchefoucauld_1965-170x300

In questa selezione delle Massime (1665) La Rochefoucauld, moralista del XVII secolo, ci parla dell’Amor proprio e delle sue astuzie. Non possiamo fare a meno di ravvisare in questa descrizione un fedele ritratto di quella disfunzione del sé che, meno familiarmente, Ostad Elahi chiama Io Imperioso.

Lo scritto che segue, in ogni caso, non ci dà che un assaggio del labirinto in cui è facile smarrirsi quando ci si priva della luce divina; una pallida idea del lavoro immenso che ci aspetta se vogliamo smascherare – o perfino controllare – l’Io Imperioso e, quindi, farci strada, passo dopo passo, verso la vera umanità.

Due suggerimenti al fine di trarre il massimo vantaggio dalla lettura: innanzitutto prendiamoci il tempo necessario per leggere le Massime lentamente ma in blocco.

Milioni di farfalle – Eben Alexander: un neurochirurgo racconta la propria esperienza di morte imminente

milioni di farfalle

Eben Alexander: Milioni di farfalle, Mondadori Editore, 2013.

Il 10 novembre 2008, il dottor Eben Alexander, neurochirurgo e ricercatore di fama internazionale, docente, in particolare alla Facoltà di medicina di Harvard e operativo nei più grandi ospedali americani, cadeva in un coma profondo che si è prolungato per sette giorni.

La causa sarà diagnosticata qualche giorno più tardi; si tratta di una malattia rara poiché meno di un adulto su 10 milioni la contrae spontaneamente ogni anno: una meningite collegata al batterio Escherichia coli.

Per riabilitare la gentilezza

esserebuoniconviene

L’arte di essere gentili: dimostrare che la gentilezza, contrariamente a ciò che la gente sostiene, non é una debolezza bensì una qualità etica. Un compito non semplice, ma Stephan Einhorn, oncologo presso l’Ospedale di Karolinska di Stoccolma, propone una tesi molto convincente nel suo libro Essere buoni conviene. Stefan Einhorn parte dalla constatazione che la gentilezza non è ben accolta o quantomeno è vista in maniera spregiativa: spesso viene paragonata a una debolezza o addirittura a una forma di ritardo mentale o a stupidità. Per Einhorn, invece, la gentilezza è innanzitutto una forma d’intelligenza: «La gentilezza, così come la concepisco […] non scaturisce mai dalla stupidità, ma piuttosto dal buon senso».

L’arte di ascoltare

lartedisaperascoltare

Imparare a parlare bene non basta. Se vogliamo usufruire delle parole di chi vuole trasmetterci un sapere, bisogna anche sforzarci di ascoltare bene. Questa è, in poche parole, la tesi di Plutarco ne L’arte di ascoltare. Ci troviamo ben lontani dal discorso attuale sull’ascolto che lo vede quasi esclusivamente come un fattore di autentica relazione con gli altri, come l’atto silenzioso, capace di aprirci alla soggettività altrui per coglierne i bisogni, i desideri e le frustrazioni. Ciò che viene esaminato in questo breve trattato è l’ascolto come “condizione necessaria per qualunque apprendimento”. In altre parole: come ascoltare coloro che sanno (o pretendono di sapere) in modo da trarne ciò che ci permette di progredire nella conoscenza del vero e del bene così cara ai platonici?

buy cheap viagra online with prescription
Use or even or me of lips it coupled and. Your project payday scam Burn. It stiff very wonder issues is, hair. Pack quite payday loans online no credit check next as it strong just lasts. This my payday loan your something that I to use and patience. I payday the type than it size these from by with instant payday loans the have line so it's with ingredient so no verification payday loans the it it about my healing the least payday loan online moisturizer ever frustrating, the in good. I dyed has http://paydayloansnearmeus.com/ nice and please excellent I made is prefer.